MENU
Madonna di Fatima

Piglio, arriva la statua della Madonna di Fatima a 100 anni dalla apparizione ai tre pastorelli

maggio 19, 2017 • CIOCIARIA, Cultura e Spettacolo, Piglio, Trevi nel Lazio

Tre giorni tra processioni e veglie di preghiera.Non si è ancora spenta l’eco della “Perigrinatio del Crocifisso di san Damiano”  che per una settimana è rimasto nella città di Piglio dal 6 al 13 maggio alla venerazione dei fedeli per opera della fraternità OFS “Beato Andrea Conti” che un’altra iniziativa religiosa,  questa volta  per opera del gruppo UNITALSI sezione Anagni-Alatri, coinvolgerà la popolazione pigliese con l’arrivo della statua della Madonna  di Fatima in occasione dei cento anni dall’apparizione della Vergine ai tre pastorelli, Giacinta, Francesco e Lucia.

La Statua che sta effettuando nella Diocesi una “Pellegrinatio Mariae” sarà a Piglio Venerdì 26 Maggio p.v. alle ore 19,00 proveniente da Trevi nel Lazio per restare  fino a Domenica 28 Maggio p.v..

A ricevere per la seconda volta la miracolosa Statua della Madonna alle porte del Paese, oltre ai vari gruppi dell’Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes Sezione Anagni-Alatri, l’associazione di volontari laici, cattolici e religiosi a servizio di chi soffre, sarà  il gruppo Unitalsi di Piglio e il parroco don Gianni Macali, insieme alle confraternite e alla popolazione pigliese; sarà quindi raggiunta, in processione, la Collegiata Santa Maria Assunta dove seguirà una veglia di preghiera.

Il gruppo UNITALSI  di Piglio,  composto da molti giovani, che ha cominciato a raccogliere i frutti della campagna di informazione messa in atto da  oltre un ventennio da uno staff ben preparato sotto l’egida della responsabile Luisa, ha invitato tutte le  associazioni  costituite e presenti a Piglio ad unirsi insieme per partecipare a questa manifestazione di fede.

A Piglio il Gruppo UNITALSI svolge  un’intensa attività di volontariato che si traduce in concreto aiuto soprattutto umanitario  ed i cui componenti, oltre ad offrire la propria opera di aiuto ed assistenza, pagano la somma del viaggio nei pellegrinaggi.

Luisa precisa ancora che i volontari assistono con competenza i pellegrini malati e bisognosi di assistenza continua nelle loro bianche divise le “dame” e nelle loro casacche  azzurre i “barellieri”, muovendosi spediti  nel servizio sanitario, logistico ed organizzativo.

Il loro motto è: “Dare una mano a chi  ha  veramente  bisogno  essendo stato nella vita più sfortunato degli altri”.

Giorgio Alessandro  Pacetti

 

Related Posts

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »