MENU
juve

Calcio, la Lazio si inchina alla Juventus al suo terzo trionfo consecutivo in Coppa Italia

maggio 17, 2017 • ROMA, Sport

La Juve batte la Lazio 2 a 0 e si aggiudica  la terza coppa Italia consecutiva,  avviandosi maetsosa verso la conquista del triplette.

I romani, protagonisti di una stagione al di sopra delle righe  , ci mettono cuore e volonta’ ma non sono sufficienti a contrastare la maggior caratura tecnica e mentale dell’armata bianconera .

LE SCELTE

Allegri deve fare a meno di Pjanic, squalificato e Kedira, infortunato e li rimpiazza con Marchisio e Rincon. Buffon lascia il posto al brasiliano Neto , portiere di coppa.

Inzaghi schiera l’undici migliore dando spazio dall’inizio a Keita , preferito ad Anderson.

Parolo non al meglio e’ recuperato ed e’ tranquillamente in campo.

SOLIDITA’ JUVE

C’è molta intensità in campo , gli spazi sono stretti ed il traffico intasato.

Chiellini apre i balli ma tira debolmente, replica  immediata  di Keita che mette il turbo su Bonucci ma il suo tiro sporcato da Barzagli , incoccia il palo.

Il clima è elettrizzante, si mette in moto Higuain che spara una botta potente respinta bene da Strakosha.

L’equilibrio e’ spezzato al 12′ dalla Juve che sblocca il risultato con Dani Alves  abile a calciare in diagonale al volo , un cross dalla trequarti di Alex Sandro . Inguardabile la dispsizione della retroguardia biancoazzurra.

La Juve aumenta la pressione, ancora Dybala ci prova dalla distanza con Strakosha pronto con i pugni.

La Lazio non trova le distanze giuste in copertura, i bianconeri affondano i colpi, Strakosha fa il fenomeno prima su Dybala e poi su Higuain.

Parolo non ce la fa e abbandona per  Radu che si posiziona sulla sinistra.

I romani provano a reagire ma la forza prorompente della Juve e’ impressionante e Strakosha viene trafitto per la seconda volta da Bonucci con un tocco da due passi.

Il doppio vantaggio dei zebrati , intimorisce ancor più l’undici biancoazzurro che non riesce ad uscire palla al piede dal proprio centrocampo.

Finalmente mette il naso fuori Milinkovic , cross per Immobile che vola di testa ma non inquadra i pali.

La Juve allenta la morsa, la Lazio alza il baricentro , Milinkovic in chiusura svetta  di testa ma Neto e’ attento.

CONTROLLO JUVE

Si rientra in campo e dopo 5 ‘ minuti Inzaghi si gioca la carta Anderson per variare il suo scacchiere e subito si mette in mostra con una sventagliata che chiama Neto alla risposta in tuffo.

Anderson accende la dinamo, Immobile impatta di ” cabeca” ma Neto  è prodigioso.

La Juve abbassa i ritmi , la Lazio e’ più reattiva e determinata.

Tenta Basta dal limite ma è’ impreciso nella conclusione.

Dentro anche Luis Alberto , fuori De Vrij , claudicante.

Si risveglia Higuain e son dolori , in apprensione la difesa biancoazzurra.

Nonostante il doppio svantaggio, la Lazio ci crede e non si arrende.

Ci provano Luis Alberto, Keita ed Immobile con grande cuore ma scarsa incisivita’.

Strakosha e ‘ ancora strepitoso sul” pipita” ma scorrono i titoli di coda , la Juve conquista la sua dodicesima coppa, la Lazio esce a testa alta.

ROBERTO MATTEI

 

Related Posts

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »

Close
Sostieni il nostro portale

Le notizie di Roma e provincia e Frosinone e provincia