MENU
patrica - foto immondizia nello spazio adiacente l'isola ecologica_1

Ferentino, Sinistra italiana presenta le sue osservazioni sull’ennesimo progetto di impianto di rifiuti ad Anagni

marzo 19, 2017 • Anagni, CIOCIARIA, Ferentino, Politica

Sinistra italiana ha presentato ben  undici osservazioni motivate sul procedimento di valutazione di impatto ambientale (VIA)  relativo al progetto di  realizzazione di un impianto di biodigestione e compostaggio ad  Anagni , in base alle quali  chiede  alla Regione di esprimere giudizio negativo di compatibilità ambientale  

 Non prendere atto che Il quadro ambientale della Valle del Sacco  risulta, già,  compromesso tale da impedire la collocazione di ulteriori attività rispetto a quelle già presenti nel comprensorio , è  voler moltiplicare gli  effetti cumulativi con altri impianti esistenti nell’area  con conseguente aggravio della  situazione sanitaria e dell’ecosistema .

Siamo di fronte ad un progetto per un  impianto di rifiuti di circa 84 mila tonnellate, dove non è chiaro il bacino di utenza. Sembra, veramente  difficile ipotizzare una produzione di frazione organica ( FORSU) per il Comune di Anagni e degli altri limitrofi  pari ai valori dichiarati in progetto, infatti, tali  quantitativi sono pari al fabbisogno di due province come quelle di Frosinone. E’ facile presupporre che la maggior parte dei rifiuti in ingresso saranno costituiti proprio dai rifiuti  provenienti da altre province , con difficoltà nella  tracciabilità .

La proposta impiantistica è evidentemente avulsa dal bacino di riferimento e sembra rispondere unicamente a motivazioni di carattere economico del proponente, a discapito del contesto ambientale e sanitario, ovvero, all’interno di un Sito di Interesse Nazionale (SIN) per la bonifica, Valle dei Sacco .

Un impianto che  prevede, inoltre,  di alimentare con l’energia prodotta da combustione dei gas un altro progetto tutto da verificare  ,  che  lascia  perplessi  , ovvero, utilizzare le ceneri di inceneritori per la produzione di piastrelle  (!). Una società moderna, al contrario, deve puntare alla raccolta differenziata porta a porta con l’eliminazione dell’incenerimento dei rifiuti e con lo sviluppo di compostaggio domestico o di comunità e non di mega impianti di compostaggio dove è difficile verificare la “bontà” del rifiuto

Dobbiamo constatare, inoltre,  come le amministrazioni locali  (Comune di Anagni e Provincia di Frosinone),  non  hanno adeguatamente  informato i cittadini sulle dimensioni e sulle caratteristiche della proposta dell’ impianto di rifiuti ,  tanto da essere assente l’avviso del procedimento di valutazione ambientale nei propri albi.

Sinistra Italiana interverrà in ogni procedimento per evitare nuovi fattori inquinanti nel nostro territorio provinciale e ribadisce la necessità di una reale moratoria  che sospenda opere impattanti dal punto di vista ambientale con strumenti urbanistici adeguati  propedeutici  ad una bonifica completa del territorio ed ad un nuovo modello di sviluppo ecocompatibile che sappi valorizzare le risorse naturali e non distruggerle.

Viviana Cacciatori  – Sinistra Italiana Anagni

Marco Maddalena  – Sinistra Italiana Provincia di Frosinone  – Consigliere comunale di Ferentino

Related Posts

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »