MENU

Roma, il Ministro Franceschini ha presentato la seconda edizione del Premio Scriviamoci dal titolo “20 anni nel 2020”

febbraio 4, 2016 • Cultura e Spettacolo, ROMA, Roma Nord

Nello storico e sempre bellissimo Liceo Ennio Quirino Visconti di Roma, c’è stata la presentazione della seconda edizione del premio “Scriviamoci”, concorso che intende promuovere la scrittura nelle scuole secondarie statali di secondo grado.
Iniziativa Mibact presente con il Ministro Dario Franceschini: “che scrivere è un meccanismo di sana professione ed è bello convincere i ragazzi a farlo”. In collaborazione con la SIAE, rappresentata dal presidente Filippo Sugar che ha donato al concorso 250.000 euro e che ha ricordato il diritto d’Autore e la Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, rappresentata da Stefano Petrocchi, mentre Romano Metroni (presidente del Centro per il libro e la lettura) ha presentato l’edizione: “Questa edizione del concorso ha come titolo “20 anni nel 2020”  e racconta come sei, racconta come sarai. Inventa una situazione in cui, tra qualche anno, mettendo in ordine le tue cose, troverai un oggetto della tua adolescenza: un cellulare, un diario scolastico, una foto, il biglietto di un concerto. Prendi spunto da questo episodio per riflettere su come sei ora e su come potresti diventare”.
L’immaginazione di ogni partecipante potrà prendere la forma di un testo narrativo (racconto, lettera, pagina di diario), inedito e in lingua italiana, accompagnato da un breve pensiero o aforisma che interpreti e riassuma la suggestione della traccia. La scadenza è a mezzanotte: l’insegnante responsabile della partecipazione al concorso (massimo cinque studenti per ogni scuola) dovrà infatti inviare gli elaborati all’indirizzo mailto:scriviamoci@fondazionebellonci.it entro e non oltre la mezzanotte del 24 marzo 2016.
I migliori racconti e aforismi saranno selezionati dalla Fondazione Bellonci, e pubblicati sull’agenda “Scriviamoci 2016/2017”, per i tipi di Giulio Perrone Editore.
Verranno inoltre scelti tre racconti i cui autori riceveranno la targa SIAE e si aggiudicheranno rispettivamente: la collana dei vincitori del “Premio Strega” dal 1947 a oggi edita da Mondolibri (primo classificato); uno stage di due giorni presso la Bottega di narrazione Finzioni di Bologna (secondo classificato); la partecipazione per due persone a un importante festival letterario italiano (terzo classificato).
La premiazione avverrà in un luogo e in un appuntamento simbolo della cultura letteraria italiana: a Roma, a luglio, nell’ambito della serata conclusiva della LXX edizione del Premio Strega.
Molto bella la testimonianza della giovane scrittrice romana Licia Troisi, il suo ultimo libro: “Dove va a finire il Cielo è stato tradotto in 18 paesi, ha raccontato che scrivere e molto bello e come lei ci è arrivata fin da bambina che a sette anni aveva già scritto un libro, proveniente da una famiglia molto colta, suscitando moltissimo l’interesse dei numerosi studenti presenti perché “scrivere significa condividere”.


Giancarlo Flavi (foto e servizio)

Related Posts

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »