MENU
13.9.2014 S.AntonioFab 002 (16)

Arpino, grande evento musicale in ricordo di Gioacchino Conti detto il Gizziello

settembre 16, 2014 • Arpino, CIOCIARIA, Cultura e Spettacolo

Questa perla di città, che in verità avrebbe meritato in queste ultime decadi  più attenta  gestione e valorizzazione  della sua tipicità  e peculiarità, riesce sempre a stupire e a meravigliare grazie a certe presenze di cittadini che a dispetto della precarietà morale e civile che si sperimenta in determinate circostanze, sanno tenere viva e presente la storia della città e allo stesso tempo della civiltà.

E sabato 13 settembre ha avuto luogo una manifestazione musicale veramente di alto significato: il ricordo di Gioacchino Conti detto il Gizziello, cantante dalla voce incomparabile, nato esattamente trecento anni fa in Arpino, dunque in pieno Settecento, il secolo dell’Illuminismo e del Razionalismo ma anche del bel canto e della musica e dell’opera comica e dell’opera seria. E Napoli ne era all’avanguardia coi suoi celebri compositori, con i suoi conservatori e scuole di canto tra le quali particolarmente prestigiosa quella fondata e guidata da un altro famoso ciociaro, arpinate o ceccanese,Domenico Gizzi. E il termine ‘gizziello’ è l’appellativo che si diedero non pochi allievi di Domenico Gizzi in segno di stima e di riconoscenza verso il loro maestro tra cui il nostro Gioacchino Conti che fu suo discepolo e quasi figlio per parecchi anni prima di venir avviato sulle scene, per tutta la vita fedele e grato. Ma il nostro, di Gizziello, fu di gran lunga il più celebre e il più ricercato letteralmente dai teatri e scene di tutta Europa. Pur se a dorso di cavallo o in carrozza, lo troviamo in Polonia, in Portogallo, a Madrid, a Londra, a Parigi e nelle città più importanti d’Europa e presso le corti regali d’Inghilterra, di Lisbona, di Napoli, di Vienna… .Gizziello faceva parte di una categoria di cantanti enormemente celebrata e stimata in quell’epoca cioè quella dei cosiddetti castrati o evirati, che a seguito di terribili e feroci mutilazioni volutamente inflitte nella infanzia, la natura quasi a compensazione li dotava di timbri vocalici eccezionali quasi eccelsi, tipici di norma  e dei bambini, detti anche ‘voci bianche’, e delle  donne e cioè in particolare quelli del soprano e perfino del contralto, una voce dunque quasi sovrumana che incantava ed affascinava il pubblico per il suo timbro e la ricchezza espressiva, senza menzionare determinate capacità quali non solo i vocalizzi e gli scherzi vocalici quanto la entità della estensione delle note e la possanza del timbro. La rete, grazie agli appassionati, mette a  disposizione notizie della sua esistenza che pur breve, ha vissuto esperienze e successi europei inauditi. E il Gizziello, ciociaro arpinate, così celebrato e ammirato che ha trovato posto, come gli eletti, anche nella fondamentale Galleria dei Ritratti del Museo di Londra.

In verità il Comune di Arpino, nell’ambito di un progetto finanziato dalla Regione Lazio, già nel febbraio scorso organizzò un evento celebrativo della ricorrenza nella chiesa di San Michele con la stessa artista Veronica Fucci, cantante soprana appassionata in particolare di Gizziello, e la stessa strumentista Marianna Polsinelli. Il 13 scorso era presente il valente chitarrista Roberto Culletta che si è esibito in due degli otto brani in programma. Questo di sabato scorso ci è sembrato possedere un qualcosa in più che lo ha distinto ed esaltato e cioè una iniziativa senza soldi pubblici né sponsors privati, quindi veramente sincera e sentita; la modesta quasi dimessa, pur se di raffinata qualità, ricercatezza mediatica: una locandina in squisiti caratteri tipografici e il particolare degli occhi di una vecchia immagine di Gizziello che sembravano vivi e, non in ultimo, la eleganza e raffinatezza e proprietà degli abiti e dei costumi dei tre protagonisti realizzati e confezionati da, anche lui arpinate, un maestro autentico della costumistica, non solo nazionale. Ripeto: senza un soldo pubblico  -il che è già triste per certi aspetti-  tanto più triste in quanto il medesimo giorno, alle nove di sera,  ha avuto luogo in piazza, e con tanti soldi pubblici, la solita tipica kermesse italiana  distributrice di stemmi e di coppe e di medaglie e di attestati e di premi, riservata ai soliti noti e ai soliti presenzialisti.

Bello sarebbe, auguriamoci che lo sarà in seguito, inserire il personaggio incredibile che fu Gizziello in contesti e commemorazioni, ma periodiche e regolari, intese alla promozione e valorizzazione della intiera tradizione musicale arpinate ricca come pochi di personalità ragguardevoli, oltre a Domenico Gizzi e al suo Gizziello, quali gli altri allievi arpinati usciti dalla sua prestigiosa scuola: Don Giacomo Cossa, basso, cantore alla Cappella Pontificia, Don Daniele Quadrini, basso, cantore alla cappella del Papa, Giuseppe Sedoti, soprano, amico del primo Gizziello, Cav. Filippo Sedoti, musico, al servizio per 29 anni di re Federico II di Prussia, Angelina Sperduti detta la Celestina per la bellezza della sua voce, soprano famosa. E poi Carlo Conti (1796-1868) valente compositore, della dinastia di Gizziello come pure Angelo Conti (1860-1930), filosofo e  critico musicale, Elisa Cicco di Cola  (1854-1950) grande pianista sulle scene internazionali, Luigi Embergher (1856-1943) violinista e liutaio nonché celebrato costruttore di strumenti a corda e poi infine forse il maggiore di tutti, Ennio Morricone, tra di noi.

Il ricchissimo patrimonio musicale della città di Arpino ben si inserisce in verità in quell’altro parimenti degno di attenzione e di  cura che si registra in tutta la Ciociaria, non solo frusinate: anche la dea Euterpe, invero,  ha molti seguaci, sia nella composizione, sia nella strumentazione sia nel bel canto.

Michele Santulli

 

 

 

 

13.9.2014 S.AntonioFab 002 (16)

Related Posts

One Response to Arpino, grande evento musicale in ricordo di Gioacchino Conti detto il Gizziello

  1. Veronica scrive:

    Due appunti:
    1- il refuso (evidentemente) “soprana” per “soprano”
    2-Carlo Conti non ha niente a che fare con il “nostro” Gizziello

    Grazie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »